«Latest  ‹Forward   News item: 4990  Back›  Oldest» 

Esmog-il controllato diventa anche controllore
Italy Created: 28 Oct 2010
ESMOG: MALATTIE REALI O PAURE PSICOSOMATICHE ?!
LANCIANO IL DUBBIO, MA PER STARE SICURI, .
CHI SI PONE CONTRO IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE HA DECISO I LIMITI DI ESPOSIZIONE CON I GESTORI E STA NEI COMITATI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

IL CONFLITTO D'INTERESSE DECIDE PER LA SCIENZA:
I GESTORI FINANZIANO LA RICERCA E IL CONTROLLATO DIVENTA ANCHE CONTROLLORE

ESMOG SI CONTINUA L'ANALISI:
POSIZIONE CAUTELATIVA E CONSERVATIVA -
CAMBIANO I RESPONSABILI, MA IL GIOCO RIMANE LO STESSO
(Tratto da CD Firenze 1.02.2008)
"P. VECCHIA, sostenitore della posizione conservativa (presidente dell'ICNIRP e consulente del progetto CEM dell'OMS), nella presentazione del progetto Camelet patrocinato dal Ministero della salute è arrivato a sostenere che "le misure precauzionali vengono considerate dalla popolazione come la prova che i rischi sono reali, aumentando così la percezione psicologica dei rischi, nonché le paure e i disturbi psicosomatici che ne conseguono"."
A. LEVIS, sostenitore della posizione cautelativa, rileva: "non applicando misure precauzionali si favoriscono non tanto le paure, quanto vere malattie compreso il cancro e, ovviamente, gli interessi dei gestori.
Alcuni esempi di ripercussioni funzionali provocati dai CEM della telefonia mobile:
- inibizione del processo di riparazione dei danni al DNA;
- effetti sull'efficienza del sistema immunitario, che è il principale meccanismo di difesa contro l'invasione di agenti patogeni e contro lo sviluppo dei tumori;
- inibizione della sintesi dell'ormone oncostatico melatonina;
- LA COMPROMISSIONE DELLA GHIANDOLA PINEALE E DEL SUO ORMONE, LA MELATONINA, LA CUI SECREZIONE NOTTURNA E' INIBITA DAI CEM, FAVORENDO COSI' L'AZIONE NEFASTA DEI RADICALI LIBERI SULLE CELLULE, NORMALMENTE INIBITA DA QUESTO ORMONE.
Questi ed altri effetti sono cumulativi, permangono per un certo tempo anche cessata l'irradiazione e, dopo irradiazioni ripetute, possono diventare irreversibili."

GLI ATTUALI LIMITI DI ESPOSIZIONE DEI CEM NON RISPETTANO IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E TENGONO CONTO SOLO DELLA POSIZIONE CONSERVATIVA. FORSE PERCHE' CHI LI HA DECISI E' TROPPO VICINO ALLE COMPAGNIE ?
(Tratto Nuovo sommario Cap. 1 del 10-02-2009)
"La discussione sulla necessità o meno di minimizzare le esposizioni ai CEM si protrae da mezzo secolo e vede contrapposte due posizioni antitetiche e inconciliabili. Da un lato la posizione "conservativa" e dall'altro quella "cautelativa".
La posizione conservativa è stata codificata alla fine degli anni 90 da un'associazione privata di scienziati autocostituitisi nella Commissione per la protezione dalle Radiazioni non ionizzanti ICNIRP, la quale ha individuato, mediante sperimentazione su manichini artificiali del tutto inerti, i valori di CEM ai quali si verifica un significativo effetto termico. L'ICNIRP ha fissato il limite di esposizione a tutela esclusivamente dagli effetti nocivi di tipo acuto ed esclusivamente di natura termica (a breve termine).
La posizione conservativa ed I LIMITI DEFINITI DALL'ICNIRP (presidente M. REPACHOLI e poi P. Vecchia) sono stati fatti propri, tra gli altri, dall'OMS (Progetto internazionale CEM, coordinatore M. REPACHOLI e poi VAN DEVENTER); dal COMITATO INTERNAZIONALE DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CEM - COMMISSIONE DEI 5 SAGGI (R. DOLL, M. REPACHOLI, G. FALCIASECCA, F. COGNETTI, T. REGGE) nominato dal Governo italiano nel 2002; dall'IST. SUPERIORE SANITA' E MINISTERO DELLA SALUTE italiano (Progetto CAMELET, P. Vecchia, M. Grandolfo, S. Logorio) e dalla COMMISSIONE EUROPEA."

REPACHOLI, SEMPRE REPACHOLI, E' ANCHE NELLA IARC, SEMPRE NEI MOMENTI DECISIVI
ESMOG "POSSIBILE CANCEROGENO PER L'UOMO" COME IL CAFFE', MA CI SONO ANCHE GLI IDROCARBURI AROMATICI POLICICLICI !!!
(Tratto da Nuovo Sommario)
Repacholi è anche nella IARC nel momento significativo in cui è stata decisa la CLASSIFICAZIONE dei CEM/ELF (elettrodotti, energia elettrica) come "possibili cancerogeni per l'uomo", permettendo ai detrattori dei rischi da CEM di affermare che "sono cancerogeni come il caffè e le verdure sottoaceto"! Ovviamente si tace il fatto che tra i possibili cancerogeni ci sono anche vari metalli (Pb, Hg, Ni, Co), vari erbicidi, idrocarburi aromatici policiclici, sostanze aromatiche coloranti ecc. Il gruppo di lavoro della IARC, riunitosi nel 2001, comprende oltre Repacholi, tra gli altri, anche i "rappresentanti di importanti compagnie elettriche. Con queste premesse c'è perfino da meravigliarsi del risultato ottenuto!".
"Tomatis e Huff denunciano che a partire dal 1994 si è verificato lo stravolgimento dei criteri di valutazione della cancerogenicità, con la completa svalutazione dei criteri scientifici orientati alla prevenzione primaria (identificazione dei fattori cancerogeni). Denunciano anche l'inquietante incremento degli "esperti orientati" verso gli interessi industriali che vengono dalla IARC invitati a partecipare ai gruppi di lavoro che giudicano la cancerogenicità di agenti e sostanze chimiche. SE I NUOVI CRITERI FOSSERO STATI APPLICATI ANCHE IN PASSATO, SAREBBERO STATE ASSOLTE QUASI TUTTE LE SOSTANZE FINO AD ALLORA RICONOSCIUTE CANCEROGENE PER L'UOMO."

LE FORZE MILITARI USA CONFERMANO IL LIMITE ESPOSITIVO
TUTTI I PROGRAMMI DELLA CE SONO COFINANZIATI DALLE INDUSTRIE
(Tratto da CD Firenze 1.02.2008)
Il limite espositivo "è confermato negli anni seguenti da varie conferenze patrocinate dalle FORZE MILITARI USA, in particolare dall'AIR RESEARCH AND DEVELOPMENT COMMANDE.
Tutti i programmi della CE sugli effetti dei CEM (oltre a INTERPHONE, anche GUARD, COMFEC, RAMP 2001, PERFORM A, EMF-NET, REFLEX ecc.), come riconosciuto dalla stessa CE, sono COFINANZIATI dalle industrie della telefonia mobile."

CHI E' MICHAEL REPACHOLI .. ONNIPRESENTE ?
"Il 21-11-2005 quindici scienziati di 9 diverse nazioni hanno messo in rete un appello al Direttore Generale dell'OMS perché intervenga in seguito alla notizia, pubblicata il 5-07-2005, che il DOTT. REPACHOLI PERCEPISCE 150.000 DOLLARI L'ANNO DALLE INDUSTRIE DELLA TEELFONIA MOBILE. Queste inoltre lo finanziano in occasione di Congressi e di viaggi di lavoro e, in cambio, VENGONO INVITATE DAL DOTT. REPACHOLI A PARTECIPARE ATTIVAMENTE ALLA DEFINIZIONE DEI LIMITI PER LE ESPOSIZIONI ELETTROMAGNETICHE. I dettagli di quanto sopra e l'elenco delle industrie implicate sono consultabili dal sito www.microwavenews.com alle date del 22-09 e 01-10-05."

"M. REPACHOLI: presidente dell'ICNIRP, responsabile del progetto internazionale CEM dell'OMS (dall'86). Nell'85 E' STATO CONSULENTE DELLA COMPAGNIATELEFONICA BELL SOUTH.
M. REPACHOLI ha lasciato la direzione del progetto CEM dell'OMS nel luglio 2006 pur rimanendo "presidente emerito" dell' ICNIRP ed è stato assunto come consulente da varie industrie tra le quali 2 compagnie di elettricità degli USA (Connecticut light and powers Co. e united illuminating Co) per un supporto contro l'iniziativa del dipartimento della salute pubblica del Connecticut che intendeva abbassare il limite espositivo per le ELF.
Almeno il 50% dei fondi per i progetto CEM dell'OMS, costato fino a metà del 2006 più di 250 milioni di dollari, provengono dai produttori e dai gestori dell'energia elettrica e della telefonia mobile. Questi fondi (150 mila dollari/anno solo per la telefonia mobile) vengono assemblati dal Mobile Manufacturers forum e inviati al Royal Adelaide Hospital in Australia (sede di REPACHOLI) e poi trasferiti all'OMS."

DOVE TROVIAMO ANCHE G. FALCIASECCA E P. VECCHIA?
(quest'ultimo ha ottenuto finanziamenti dalla MOTOROLA)
(Tratto da La Repubblica del 7-05-2010) Bologna - Tra i quatto esposti c'è quello di LEPIDA. "E' una società per azioni a capitale pubblico che gestisce la rete radiomobile regionale. Il presidente Gabriele FALCIASECCA viene indicato contemporaneamente come CONTROLLORE (presidente del comitato scientifico e di qualità) e CONTROLLATO (PRESIDETE DI LEPIDA)."

(Tratto da CD Firenze 1.02.2008)
"Il comitato scientifico di Elettra 2000 ha fra i suoi componenti, fra gli altri, l'ing. G. Falciasecca (presidente) e il dott. Paolo Vecchia dirigente di ricerca presso il Dipartimento Tecnologie e Salute dell'I.S.S., presidente dell'ICNIRP, associazione consulente della Commissione europea) e membro del Comitato di consulenza scientifica del progetto internazionale Campi elettromagnetici dell'OMS.
L'ing. G. Falciasecca è presidente del Comitato direttivo della Fondazione Marconi che ha tra le società sostenitrici: Vodafone, gestore di telefonia mobile; Ericsson e Siemens, industrie della telefonia mobile; Calzavara, Ericsson, Siemens, Sirti, DBA, aziende installatrici di infrastrutture per la telefonia mobile."

27-10-2010
Source: Angela Mamma/Agnes Ingvarsdottir

«Latest  ‹Forward   News item: 4990  Back›  Oldest»